Lettera della VI Commissione Zapatista al Collettivo Il tempo dei popoli è arrivato.

Inserito in Camino al adar. 16 giugno 2021. Di El Sup Galeano.

11 giugno 2021

Al Collettivo “Llegó la Hora de los Pueblos”.

Messico.

Sorelle, hermanoas e fratelli:

Mando un abbraccio a tutt@... beh, tanti. Volevamo mandarvi un saluto... ok, parecchi e, approfittando del volo di queste parole, chiedervi un aiuto.


Per la Travesía por la Vida Capítulo Europa è stato deciso di rispettare i requisiti legali per poter raggiungere, con il nostro ascolto e la nostra parola, le terre che Marijose ribattezzerà tra pochi giorni. Tra poche ore (prendendo come riferimento il giorno e l'ora in cui vi scrivo - mattina dell'11 giugno 2021 -) questa delirante sfida chiamata "La Montaña" toccherà le terre europee nelle Isole Azzorre, del Portogallo. Lì sosteranno alcuni giorni e poi si dirigeranno verso la destinazione segnata: Vigo, Galizia, Stato Spagnolo. Poi, un gruppo partirà in aereo.


Lo "Squadrone 421" ha i documenti in regola. In altre parole, hanno doppio passaporto: quello ufficiale messicano e il “passaporto zapatista di lavoro” che viene rilasciato dalle Giunte di Buon Governo quando una compagna, compagno o compañeroa lascia il territorio zapatista per andare a svolgere un compito per le nostre comunità. Qui diciamo che va "su commissione". In altra occasione parleremo del “passaporto zapatista”, ora vorremmo parlarvi di quello ufficiale.


Abbiamo già fatto riferimento, in scritti e discorsi, a quello che chiamiamo “il calendario e la geografia”. Bene, la nostra geografia si chiama "Messico". E, per noi, comunità zapatiste, questa non è solo una parola. Nel senso zapatista, è una geografia. Quando diciamo che siamo "messicani" sottolineiamo che condividiamo storie con altri popoli originari (come quelli che sono raggruppati nel Congresso Nazionale Indigeno-Consiglio Indigeno di Governo). Storie, cioè: dolori, gioie, rabbie, umiliazioni, lotte. Ma non solo con i popoli originari di questa geografia, anche con individui, gruppi, collettivi, organizzazioni e movimenti che coincidono con noi, popoli zapatisti, nei sogni e, naturalmente, negli incubi.


Con questo voglio dire che noi, comunità zapatiste, non solo non ci vergogniamo di dire che siamo messicani, ne siamo orgogliosi. Perché questo orgoglio non nasce guardando in alto ed alle loro storielle, ma guardando, ascoltando e parlando con il Messico del basso, le sue vite e le sue morti. Non è fuori luogo raccontare, seppur velocemente, come si vive e lotta in questo Messico. Ognuno ha i suoi modi, le sue storie, le sue sconfitte e vittorie, il suo sguardo e il suo modo di spiegare il suo mondo, il suo guardarsi e spiegarsi. Ma vediamo che c'è qualcosa in comune, una specie di radice, o trama, o spina dorsale... ci deve essere un modo per dirlo in linguaggio cibernetico... una matrice o matrix? Ebbene, è in questa radice comune che ci identifichiamo.


Oh, so che più di uno, unoa, si preoccuperà che quello che sto dicendo è una versione "zapatista" del nazionalismo. No, questo a volte ci infastidisce, altre ci fa arrabbiare, e sempre preoccupare. Non mi riferisco al nazionalismo. Nei nazionalismi si nascondono, ad esempio, disuguaglianze e, attenzione, rapporti criminali. Nei nazionalismi convergono il criminale e la vittima, il Boss e il subordinato. Qualcosa di così perverso come "ti distruggo ma lo faccio per il tuo bene perché siamo compatrioti". Qualcosa come il significato maligno che viene dato "all'umano", ad esempio dicendo che sia gli uomini che le donne sono esseri umani. Tralascio il fatto che si dimentica che c'è chi non è né donna né uomo e, essendo senza nome, non è "un essere umano". In questo significato di "umano" si dimentica il rapporto di dominio tra uomini e donne. Non scriverò un trattato sul patriarcato, la sua genealogia e il suo folle crimine attuale; c'è tra voi chi ne sa di più e lo spiega meglio di me.

È possibile riferirsi all'umanità senza cadere nella trappola dell'uguaglianza ipocrita? Noi pensiamo di sì, ed è riferendo l'umanità alle scienze e alle arti. Ma non solo. Anche a sentimenti, pensieri e proposte di fondo: il senso della giustizia, della morale e dell'etica (che il defunto compagno Don Luis Villoro spiegherebbe meglio di quanto io possa anche solo tentare di fare), la fraternità ed altre cose che non dettaglierò (ma voi sentitevi liberi di farlo). Ad esempio, io aggiungerei la danza - musica e canzoni incluse -, e il gioco, ma fate caso a me.


Insomma, di dettaglio in dettaglio si presenteranno le differenze, le distanze, i disaccordi. Ma, in senso inverso, si potrebbe trovare qualcosa in comune: è ciò che noi chiamiamo "umanità".


Quindi, quando diciamo che i popoli zapatisti sono “messicani” e che siamo orgogliosi di esserlo, ci riferiamo a quella matrice comune con l'altro che lotta in questa geografia intrappolata tra il Rio Bravo e il Suchiate, con il morso dato dal mare d'oriente e la curva allungata che il mare di occidente ha forgiato alla cintola, e incluso il braccio solitario che costeggia il “Mare di Cortez”. Aggiungete la storia vera, quella delle geografie limitrofe e...

Bene, basta storie. Il punto è che la nostra delegazione aerea è in fase di rilascio dei passaporti. E dico "fase di rilascio" per delicatezza, perché è come l'inferno, che si alimenta in silenzio fino ad essere considerato "normale".


Perché si scopre che le nostre compagne, compagni e compañeroas soddisfano tutti i requisiti richiesti, effettuano il pagamento dovuto, si spostano dalle loro comunità agli uffici del Ministero degli Esteri e, pure con la pandemia e tutto il resto, prendono appuntamenti, fanno la fila, aspettano il proprio turno e... a loro viene negato il rilascio del documento.

Gli ostacoli del governo supremo e della sua ignorante burocrazia, stolta e razzista sono oltraggiosi.


Perché si potrebbe pensare che sia solo burocrazia, che hai avuto la sfortuna di imbatterti in qualcuno che pensa di avere il Potere perché sta dietro uno schermo, una scrivania, un ufficio. Ma no, è anche altro e si potrebbe sintetizzare così: razzismo.


Le ragioni? Ebbene, ce n'è una fondamentale e, naturalmente, i suoi derivati: nel governo c'è un'atmosfera di isteria mal celata. In accordo con il suo impegno con il governo degli Stati Uniti di fermare il flusso di migranti dal Centro America, per i governi federale, statale e municipale tutto ciò che non è biondo, con gli occhi chiari e viene da più a sud di Puebla, è centroamericano. Per le autorità governative schizofreniche, la prima cosa che fa un centroamericano è: presentare il certificato di nascita, la credenziale INE (Ente Nazionale Elettorale) o i documenti di identità con fotografia (che è un documento ufficiale perché rilasciato dal municipio), e di origine nel capoluogo ufficiale, il certificato di battesimo, i certificati di nascita dei genitori o dei fratelli/sorelle maggiorenni, copie del loro INE, certificati del municipio autonomo e della Giunta di Buon Governo, testimoni oculari con identificazione ufficiale, e così via. Fatto tutto questo, la loro richiesta del documento a cui ogni messicano ha diritto per uscire ed entrare dal territorio nazionale, è respinta.


Sì, si presentano tutti questi documenti ma il problema è che, agli occhi della burocrazia del Ministero degli Esteri, ciò che conta è il colore della pelle, il modo di parlare, il modo di vestire e il luogo di provenienza. "A sud della metro di Taxqueña, tutto è Centro America".

Tanto bla, bla, bla di diritti e di riconoscimento delle nostre radici, eccetera – inclusi ipocriti perdoni chiesti sulla terra da distruggere –, ma la popolazione originaria, o indigena, continua ad essere trattata come straniera nella propria terra. E peggio ancora a Città del Messico, che dovrebbe essere "progressista". Lì una signora, una burocrate del Ministero degli Esteri, ha respinto la credenziale INE con un dispregiativo "questa è inutile, serve solo per votare", ed ha chiesto alla compagna, che ha più di 40 anni, residente nella Selva Lacandona, il suo diploma di scuola superiore per dimostrare che non fosse guatemalteca. La compagna ha detto: "ma io vivo della terra, sono una contadina, non ho un'istruzione secondaria". La burocrate, altezzosa e arrogante: "beh, non studiate perché non lo volete". "Ma io vengo dal Chiapas", insiste la compagna. "Non m'importa. Vediamo cosa succede”, risponde la burocrate.


La burocrazia governativa si eccita maltrattando gli indigeni? L'arroganza è il suo afrodisiaco? "Sono qui, tesoro, oggi ho ribaltato una fottuta india, ed ho molta voglia", diranno facendo l'occhiolino con civetteria.


Per verificare se fosse razzismo e non solo burocrazia, abbiamo mandato un compagno “bianco e barbuto” a richiedere il passaporto. Glielo hanno dato lo stesso giorno e senza chiedere altro che il certificato di nascita, il documento d'identità con foto e la ricevuta del pagamento, che sono i requisiti legali.


E non solo: il Ministero degli Esteri trattiene il pagamento effettuato da tutt@ i/le compagn@ a cui viene negato il passaporto con pretesti e requisiti che non sono nemmeno sul suo sito web. Deve essere molto dura l'austerità se devono sottrarre i soldi agli indigeni.


A un compagno (di più di 60 anni) hanno chiesto: "Non è che vuoi andare negli Stati Uniti a lavorare?" Il compa ha risposto: “No, lì sarà per un'altra volta. Adesso andiamo in Europa”. Il funzionario, quale Tribunale Elettorale Federale, se ne è lavato le mani e lo ha mandato a un altro sportello. Lì gli hanno detto: “È molto lontano e il viaggio è costoso, non puoi avere i soldi perché sei indigeno. Devi portare l'estratto conto della tua carta di credito. Avanti un altro". Ad una compagna hanno detto: "Vediamo, canta l'inno". E la compagna ha intonato "ya se mira el horizonte". Repinta. Mi ha detto triste: “credo che sia perché l'ho cantata con un ritmo cumbia e non come corrido ranchero. Ma la cumbia è più allegra. I corridos rancheros parlano solo di massacro di donne. Se ti chiami "Martina" o "Rosita", allora vale”.

Lo stesso a Città del Messico: due compagne di lingua tzeltal, della Selva Lacandona.


Camminano dal loro villaggio fino a dove si prende un camion de redilas fino alla capoluogo municipale; da lì con i mezzi pubblici fino a San Cristóbal de Las Casas; da lì un altro a Tuxtla Gutiérrez; da lì un altro per Città del Messico; pagano il passaporto per validità 10 anni "perché viaggiare per il mondo richiederà tempo"; si presentao in un ufficio della SRE (Ministero degli Esteri); si mettono in fila con la mascherina, lo schermo e a distanza di sicurezza; entrano e presentano i loro documenti; fanno loro una foto; aspettano fuori di essere chiamate per la consegna del passaporto; le chiamano e dicono a una di loro “una lettera del tuo cognome è sbagliata” e “tuo fratello ha un altro cognome materno”; quella del fratello: "questi fottuti uomini sono così e mio padre era un bastardo"; quella della lettera “è che la persona che ha fatto il verbale non conosce la differenza scritta tra la "s" e la 'z'"; in entrambi i casi le/i funzionar@: risate di scherno e: "devi tornare indietro e portare più prove che sei messicana"; le compagne: “ma io vivo in Chiapas”; quella del SRE: "non rilascio niente finché non porterai quello che ho chiesto". Le compagne tornano indietro, arrivano nella loro città e raccolgono ulteriori prove del loro essere messicane. Nuovo viaggio a Città del Messico. Nuovo appuntamento, fila con mascherina, schermo, distanza di sicurezza. Sportello. L'alta funzionaria del Ministero degli Esteri: "ora bisogna aspettare di verificare che siete messicane". Le compagne: "ma ho portato tutto quello che mi avete detto". La SRE: "ma dobbiamo verificare che le carte siano veritiere, poi chiederemo all'anagrafe del tuo comune e del tuo stato". Le compagne: "Quanto tempo ci vuole?" La SRE: "10 giorni o un mese, te lo faremo sapere". Le compagne aspettano 10 giorni e niente. Loro tornano. Passa un mese e niente. Altri 30 giorni e niente. Tornano a Città del Messico. Stes so viaggio. La SRE: "Non hanno risposto, aspettate ancora".

E le due compagne aspettano. Hanno iniziato le pratiche a marzo ed è il mese di... giugno.


-*-


Se avete tempo, fate questo: immaginate di essere nati con la pelle scura, di essere di origine indigena e di provenire da qualche stato del sud-est messicano. Ora controllate i requisiti per ottenere il passaporto: certificato di nascita, identificazione ufficiale con foto, o diploma professionale, o titolo professionale, o tessera militare assolto, o credenziale dell'Istituto Nazionale Pensionati, o credenziale dell'assistenza medica di un istituto di sanità pubblica; e ricevuta di pagamento.


E anche se possiedi uno o tutti questi requisiti, se hai la pelle scura, parli in modo diverso e ti vesti "come la India María" (parole testuali di un'impiegata del SRE), dovrai affrontare qualcosa tipo: "no, devi portare i voti della scuola materna, elementare, media, superiore - CCH (Colegio de Ciencias y Humanidades) no, quelli sono casinisti -, diploma, corso di specializzazione personale presso NXIVM, e una lettera di buona condotta del preside".

Non c'è molto da dire sul INE. Impegnato com'era il grande capo Tatanka (il buon Jairo Calixto dixit - oh, oh, sì, anche io leggo la stampa gossip -) a fingere di essere una persona perbene, e Murayama ad abbaiare, non si sono nemmeno accorti che i loro "uffici" In Chiapas erano chiusi da prima del 1° febbraio, nonostante fosse stato detto che dal 1° al 10 febbraio si poteva avere accesso senza appuntamento. Così, abbiamo perso l'opportunità di mandare molti più delegati su La Montaña. E INE ha ribadito l'atteggiamento razzista che aveva dimostrato nei confronti di Marichuy.


E penso che, tra le tante interviste che hanno rilasciato e concesso ai media, neo-conservatori e neoliberisti, per difendere la "loro indipendenza" (già), non si sono accorti che la credenziale INE è anche un documento di identità ufficiale e, negandolo o ostacolandolo, negano quel diritto a qualsiasi cittadin@, alla "cittadinanza", o qualunque cosa significhi.


Il paradosso di tutto questo è che questi indigeni a cui vengono negati la credenziale INE ed il passaporto, lottano anche per la vita di questi burocrati che credono di servire "la Nazione Messicana" rifiutando a loro piacimento dal loro piccolo trono dietro uno sportello, solo per il piacere di dire "no" a chi considerano inferiore perché ha un altro colore della pelle, un'altra lingua, un'altra cultura, un altro modo, e i cui antenati erano in queste terre molto prima che i creoli diventassero indipendenti dagli Iberici e li sostituissero nell'oppressione dei popoli originari.


-*-


Quindi l'aiuto che vi chiediamo è di parlare tra di voi per vedere se si può fare qualcosa. Ad esempio: dare lezione di vergogna ai burocrati del SRE; dire al signor Marcelo Ebrard che capiamo che a causa dell'austerità non abbia i soldi per la sua campagna elettorale del 2024, ma che rubare agli indigeni i soldi per il passaporto e tenerseli senza dare loro il documento, beh, come posso dirglielo senza essere volgare? ... è da mascalzoni. O forse li vuole per comperarsi gli impermeabili modello “Neo di Matrix”? O, con i soldi trattenuti per i passaporti negati seguano un corso di genere, tolleranza e inclusione. Oppure si comprino dei libri di storia in modo da capire quale è il luogo dei popoli originari in questa geografia.

Siamo messicani, qui ci è toccato nascere, vivere, lottare e morire. È così. Se fossimo capitati nell'Unione Americana, o in Belize o Guatemala, Honduras o El Salvador, Costa Rica o Nicaragua, saremmo lo stesso orgogliosi di quelle geografie... e denunceremmo i loro rispettivi governi per essere burocrati, razzisti e ignoranti, che è quello che facciamo con quello attuale in Messico e il suo "Ministero degli Esteri".


Ad ogni modo, non riesco a pensare a molte altre opzioni, ma voi forse sì. Vedete voi e fatecelo sapere.


Intanto vi mandiamo (todoas, tutte e tutti) un grande abbraccio che, seppur a distanza, non è meno sincero e fraterno.


Da qualche luogo del Pianeta Terra.







Il Sup Galeano.

P.S.- Tra poche ore vi manderò un testo per la sezione sportiva della vostra pagina web... Come?! Non avete una sezione sportiva? Lascia stare Ebbene, "quid pro quo", dare e avere, con questo testo inaugurate la "sezione sportiva" e in cambio, ci date una mano nella suddetta faccenda. Oh, lo so, siete in debito. Ma potreste, non so, mandare qualche euro ai cechi in Europa... o, meglio ancora, accompagnarci e, come dice il termine, condividere, oltre a uno spazio accogliente in un centro di detenzione per migranti, parole, ascolti, sguardi e... sapete nuotare?

116 views

Recent Posts

See All